Daði Freyr // MEOWING HYPE

Ancora è inspiegabile come l’Islanda possa dar vita a cantanti e gruppi di alto livello: a partire dalla regina Björk, passando poi per gli acclamatissimi Sigur Rós, gli Of Monsters and Man, il compositore Jóhann Jóhannsson, i múm… Eppure, un’isola vicina al Polo Nord (in realtà è vicino a Padova) e con una popolazione di 364.260 anime (circa) concentrate quasi tutte nella capitale Reykjavík.

L’Eurovision Song Contest è forse l’unica piattaforma cui noi poveri sprovveduti possiamo notare qualche artista interessante, anche se al 99,9% è facile beccarsi la merda. Sorprende sempre quando lo 0,01% è roba eccellente e, anche in questa edizione 2020 annullata a causa del Coronavirus, scopri che l’Islanda è presente – e conferma di non deludere mai da sempre.

Un mio amico è stato in Islanda quasi un anno per un tirocinio universitario, raccontandomi il freddo e la pacatezza degli islandesi. Fa sorridere che Daði Freyr sia totalmente fuori da questo stereotipo, accompagnato dalla propria band (gli Gagnamagnið, di cui un componente è sua moglie) e da un sound assolutamente pop e retrò.

“Think About Things” è una perla dance che non ti aspetti da un tizio così alto, magro e biondo – quei capelli lunghi ricordano tanto i miei, ma anche Jaakko Eino Kalevi – e, a mio parere, poteva essere la papabile vincitrice degli Europei della Canzone, in barba al nostro Diodato e la solita lagna d’amore che, per Dio, è fatta comunque bene.

Ma non limitiamoci a questa canzone: Daði Freyr ha rilasciato il suo primo album “& Co.” lo scorso anno, con otto tracce tutte in islandese con base electro pop. Il singolo “Endurtaka mig”, oppure le più dolci “Tilheyra” o “Náum Aðeins Andanum” sono le più consigliate, così come “Næsta Skref” del 2017 che mi ha ricordato Flume.

Termino qui e ascoltatevi in loop “Think About Things” – anche la versione in islandese, magari.

More from Luca Basso

Ty Segall rilascia a sorpresa il suo quinto album del 2018

Tutti noi conosciamo la fantasia artistica di Ty Segall, sempre immerso nella...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *