Grammy Awards 2019: la rivincita delle donne, premiate Kacey Musgraves, Dua Lipa, St. Vincent, Lady Gaga e Cardi B.

Si sa che i Grammy Awards sono pesantemente influenzati dalle mode del momento e non rispecchiano il reale materiale musicale uscito nel corso anno, e questa 61esima edizione conferma le nostre previsioni: è stata una serata all’insegna delle donne e della “black generation”.

Partiamo dai premi principali: in una lista un po’ scarna e che vedeva solo due lavori tra quelli inseriti nella nostra classifica di fine 2018, è stata Kacey Musgraves e il suo “Golden Hour” a vincere l’Album of the Year, e le sue “Butterflies” e “Space Cowboy” si sono portate a casa anche il Best Country Solo Performance e Best Country Song. Dua Lipa, dal canto suo, si appropria del Best New Artists e Best Dance Recording, mentre il brano “Masseduction” e l’omonimo album di St. Vincent hanno ricevuto rispettivamente il Best Rock Song e Best Recording Package.

Ancora donne anche nei premi “minori”: Ariana Grande e “Sweetener” per il Pop Vocal Album, nonostante la cantante non abbia partecipato alla premiazione per una polemica sorta con la direzione artistica; Lady Gaga (e Bradley Cooper) e “Shallow” per il Best Pop/Duo Performance e Best Song For Visual Media, con la Gaga che si è meritata anche il Best Solo Pop Performance per “Joanne”. Non è mancata pure Cardi B, vincitrice del Best Rap Album.

Donald Grover – meglio noto come Childish Gambino in ambito musicale – con la sola “This Is America” ha vinto quattro statuette: Song of the Year, Record of the Year, Best Rap/Sung Performance e Best Music Video. La colonna sonora di Black Panther si è presa il Best Score Soundtrack For Visual Media, mentre “King’s Dead” di Jay Rock, Kendrick Lamar, Future e James Blake ha ricevuto assieme a “Bubblin” di Anderson .Paak la Best Rap Performance. Infine, Pharrell Williams è il Producer of the Year e “God’s Plane” di Drake Best Rap Song.

Nel campo rock, il compianto Chris Cornell è stato premiato con la Best Rock Performance, mentre Beck e “Colours” con Best Alternative Album (ma non era un album del 2017?). Nel Best Rock Album, il premio più ambito della categoria, a vincere sono stati i Greta Van Fleet. Nel campo dell’elettronica i Justice con “Woman Worldwide” hanno preso il Best Dance/Electronic Album, quando tra i candidati c’era di meglio come SOPHIE e Jon Hopkins.

Chiudiamo con l’esibizione che più ci ha ammaliato: Dua Lipa e St. Vincent.

More from Luca Basso

TACØMA: ecco il video di “Mai in orario”

Ve lo avevamo presentato in occasione della sua uscita, ma ora TACØMA...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *