Lapingra: ascolta il nuovo singolo “Devo dirty di Luca”

I Lapingra nascono a Roma nel 2007 (Paolo Testa e Angela Tomassone) come un duo alla ricerca di nuove sonirità musicali e utilizzando principalmente vecchie tastiere e strumenti giocattolo, ispirati dalla scena musicale electro pop folk americana/islandese.

Del 2011 è il loro primo album Salamastra, in cui la ricerca si consolida creando un bestiario onirico: la Salamastra è una bestia che vive nei fondali dell’immaginazione e lo stesso nome “Lapingra” è una cigno fantastico che popola i cieli dell’immaginazione.
Nel 2015 i Lapingra lavorano su un nuovo progetto, intitolato The Spectaculis. The Spectaculis è un progetto molto ambizioso, in quanto si tratta di un’opera con due anime: un album (uscito a febbraio 2016) che fa da colonna sonora di un film (in corso di lavorazione).

Nel settembre 2017 cominciano a lavorare con l’etichetta Bassa Fedeltà, iniziando a immaginare nuove canzoni, con un nuovo stile. Primo esperimento è “Devo dirty di Luca”, uscito il 13 luglio 2018. È appunto un assaggio delle nuove sfumature sonore del duo romano, più minimali rispetto al passato e in equilibrio tra la grande tradizione dei cantautori italiani (Paolo Conte, Lucio Dalla, De Gregori) e il sound americano e britannico di band come Smiths, The Cure, Blondie e Goldfrapp. Il riff di chitarra e i synth trascinano le parole di Angela in un vortice di epoche musicali mai dimenticate.

Devo dirty di Luca è una lenta e inesorabile discesa nei meandri più cupi della solitudine e
dell’abbandono. Ma se proprio bisogna scendere nell’abisso, perché non andarci con un paio di jeans a
vita alta e un fichissimo body di paillettes?

Il video, diretto e realizzato da Viavattene racconta gli eccessi e i ricordi delle due protagoniste, tra incroci pericolosi e attimi portati all’estremo che portano a un epilogo inaspettato.

Facebook Comments

More from Stefano Paolucci

Thom Yorke ha realizzato la colonna sonora di Suspiria; guarda il nuovo trailer

Il remake del film (che dovrebbe uscire il 2 novembre) è stato...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *