Advance Base – Animal Companionship

8 8
8

Ogni tanto ci si immagina come qualcuno che è, per ragioni inspiegabili, da solo. Come qualcuno che canta dei suoi sentimenti ma anche dei piccoli dettagli delle sue esperienze fisiche. Immersi in una sensazione di completa desolazione. Quella sensazione è dove vive Owen Ashworth.

Ashworth è un ragazzone che ha continuato ininterrottamente ad evolversi dalla fine degli anni 90′. Per tutto questo tempo ha sviluppato ed affinato dei suoni e dei sentimenti ben definiti. Ma come qualcuno che ha dormito sulla musica di quest’uomo per decenni, possiamo assicurarvi che Animal Companionship è un posto davvero incredibile, per unirsi ad un festa profondamente triste.

Ashworth ha sempre prodotto registrazioni minime e sintetiche, spesso producendole e rilasciandole da sé (tramite la sua etichetta Orindal). Questa volta ha decido di registrare Animal Companionship per la più grande Run For Cover Records, e quindi ha avuto il budget per registrare l’album in uno studio reale. Ha registrato a Los Angeles lavorando con la stessa strumentazione che ha sempre usato, quelle vecchie tastiere questa volta sono state però catturate con chiarezza, con i giusti livelli di riverbero e sustain per renderle piene, sognanti e tridimensionali. Il suono dell’album è morbido, denso e confortante, bello.

You check rental listings on your lunch at work / You could have a real house if you just left New York

Come vi avevamo accennato Ashworth ha sempre avuto l’abitudine di scrivere storie tristi. Tristi canzoni d’amore o tristi canzoni sull’amore. Lo fa ancora, per davvero, tranne che al momento si tratta di un uomo di mezza età, con moglie e figli, che vive nella periferia di Chicago, e le canzoni lo riflettono appieno. Animal Companionship è  colmo di rimpianti avuti per tutta la vita, di opportunità mancate e di momenti di accettazione. Vogliamo precisare che naturalmente non tutte le canzoni parlano di cani, quindi non è un album concettuale o altro. Ma Ashworth si fissa sull’idea. Lui stesso dichiara di essere una persona felina, folle adoratore dei gatti, ma dice di essere interessato al tipo di relazioni che i cani hanno con i loro padroni.

Ci sono momenti in cui Animal Companionship ricorda una vera e propria apocalisse emotiva: una depressione calda, luminosa e ambrata che può diventare per tutti una rassicurante presenza. Animal Companionship è una vera e propria musica magistrale.

Facebook Comments

More from Stefano Paolucci

Una Playlist per prepararsi al Pinewood Festival 2018

Prende il via il 29 Giugno la seconda edizione del Pinewood Festival l’evento musicale...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *