Feline Week 08/2019: Art

Ogni giovedì l’appuntamento con i 4 dischi più freschi (o quasi) in circolazione


Michael Kiwanuka – Kiwanuka

Genere: psychedelic soul

Si raffigura come un re sulla copertina, e forse un po’ lo è così: Michael Kiwanuka torna con un altro pregiatissimo album soul – il terzo per la precisione -, dopo i ben noti “Home Again” e “Love & Hate”. Un cambio di sound rispetto a quanto sentito in precedenza, forse più agiato ma ben ritmato. Brillante lavoro, non c’è che dire.

Da ascoltare se: vi manca il bel vecchio soul d’annata.

In love with: Living in Denial


Marracash – Persona

Genere: hip hop

Semplicemente: Marracash è tornato. Ne abbiamo già parlato qui, ma aggiungo il mio personalissimo parere: non vedo tutta questa grande opera che i fan di vecchia data vedono, dove solo pochi pezzi mi hanno pienamente colpito. Sorvolando sul featuring con thaSupreme, trovo tutto poco coeso sebbene è comunque un buon album. Non mi è andata giù “Quelli che non pensano”, anche perché lui e Coez – quest’ultimo sembra non aver capito il messaggio del king – hanno completamente toppato su “Quelli che benpensano” di Frankie HG-NRG MC.

Da ascoltare se: volete ascoltare del buon rap italiano.

In love with: APPARTENGO – Il sangue (feat. Massimo Pericolo)


Sudan Archives – Athena

Genere: alternative R&B

Non sarà un’opera d’arte, ma “Athena” di Sudan Archives è un mix di elettronica, R&B e musiche africane. C’è da dire che è il disco d’esordio per la 25enne di Cincinnati e che dovremmo annotarci il suo nome per il prossimo futuro. Con saggezza, come la dea greca Atena, Brittney Parks confeziona un disco che vede anche la sua abilità di violinista, stupendo in diverse tracce come “Glorious”.

Da ascoltare se: vi fa impazzire il violino con l’elettronica

In love with: Black Vivaldi Sonata


A Winged Victory For The Sullen – The Undivided Five

Genere: modern classical

Era da un po’ che non si vedevano con qualcosa di proprio – “Atomos” e “Iris” sono due album fatti su commissione -, ma ora gli A Winged Victory For The Sullen sono tornati con “The Undivided Five”. Il secondo LP di Dustin O’Halloran e Adam Wiltzie si riconfermano ancora una volta, dando vita nuova alla composizione classica, regalando atmosfere profonde.

Da ascoltare se: volete farvi trasportare in un lungo viaggio.

In love with: Aqualung, Motherfucker

More from Luca Basso

Fioramante: ascolta il nuovo singolo “Monolocale”

Dopo l’album d’esordio “Ogni cosa è lì, esattamente dove deve stare” pubblicato...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *