27 anni di Nevermind, il capolavoro dei Nirvana

Il 24 Settembre 1991 usciva per Geffen Records il secondo album in studio dei Nirvana.

Una pietra miliare del rock, al 17° posto nella classifica dei migliori album di sempre secondo Rolling Stones, Nevermind viene considerato da subito l’icona del Grunge.

Giro di riff iniziale per la Fender Mustang di Kurt, poi la scarica di cassa e rullante di Dave Grohl e ci si “immerge” subito in Smells Like Teen Spirits.

  1. Smells Like Teen Spirit
  2. In Bloom
  3. Come as You Are
  4. Breed
  5. Lithium
  6. Polly
  7. Territorial Pissings
  8. Drain You
  9. Lounge Act
  10. Stay Away
  11. On a Plain
  12. Something in the Way
  13. Endless, Nameless 

I testi, opera di Cobain, principale songwriter del disco, sono accompagnati da ritmi melodici che si alternano ad altri ossessivi e martellanti. È proprio il sound la caratteristica principale di questo album: spesso viene associato ad un effetto subacqueo, conseguenza dell’utilizzo frequente della distorsione del suono (e non solo) da parte di Kurt.

Nevermind entra al numero uno nelle classifiche mondiali riuscendo a scacciare dalla prima posizione il blasonatissimo Dangerous di Micheal Jackson. Fenomeno emergente sull’onda del successo, i Nirvana vennero addirittura corteggiati da Metallica Guns ‘n’ Roses, che proposero loro di fare da gruppo spalla nel tour mondiale “Appetite for Destruction“, ma Kurt rispedì l’invito al mittente dichiarando di non voler collaborare “con gente senza talento che fa musica di merda per bianchi.

Tornando a noi, il disco doveva intitolarsi Sheep (Pecora), alludendo all’omologazione della società americana di quel tempo, ma successivamente si decise per Nevermind, una fusione delle parole “Never” e “Mind” che nel gergo inglese formano l’espressione “Non Importa”. Un errore di stampa lasciò fuori Endless Nameless traccia che doveva chiudere il disco. Quando venne riscontrato l’errore erano state vendute più di 2000 copie, ma l’etichetta discografica corse subito ai ripari correggendo tempestivamente e salvando le stampe successive. Nevermind segna una svolta nel panorama rock mondiale, un punto di inzio per un nuovo movimento musicale, il cosidetto Seattle Sound, meglio conosciuto come Grunge, aprendo le porte del mainstream a questo nuovo fenomeno.

In occasione del 20° anniversario venne pubblicata una Deluxe Edition dell’album, e contemporaneamente una Super Deluxe Edition che racchiude diversi missaggi al Devonshire e la performance dal vivo della band Live at the Paramount,  in versione audio e video.

Buon compleanno Nevermind!

Facebook Comments

Tags from the story
,
Written By
More from Manuel Capri

James Blake vicino al nuovo album

Le voci sull’imminente uscita del nuovo LP di James Blake che hanno...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *