The Market Cat 04/2021: Radiation

Ogni mese l’appuntamento con i 4 dischi più freschi (o quasi) in circolazione


BROCKHAMPTON – ROADRUNNER

Genere: hip hop

I BROCKHAMPTON ci avevano ormai abituato ad una frequenza di album quasi irrealistica, due anni di astinenza sono quindi sembrati quasi infiniti, ma finalmente sono tornati con “ROADRUNNER”, il sesto album dal concept basato sul concetto di “luce” (quasi di “Kanyeana” memoria). Ho trovato questo loro ultimo lavoro molto ben riuscito, riuscendo ad avere una sua identità nella loro coloratissima discografia. Lo consiglio caldamente a chi ha apprezzato i primi tre “SATURATION” perché molto del loro precedente carattere e stile, in parte perso dopo l’abbandono di Ameer Vann, è tornato finalmente a farsi sentire.

Ti piacerà se hai apprezzato: Kanye West, JPEGMAFIA, Aminé

In love with: THE LIGHT PT. II


Royal Blood – Typhoons

Genere: alternative rock

La band di “Figure It Out” è tornata dopo 4 anni di assenza a farsi sentire con il loro terzo album “Typhoons”. Si tratta di una particolare evoluzione rispetto a ciò che hanno fatto in passato? Non proprio, però è altrettanto vero che non hanno perso la verve e grazie a questo hanno confezionato un prodotto pieno di energia e sicuramente meritevole di almeno un ascolto.

Ti piacerà se hai apprezzato: Queens Of The Stone Age, Nothing But Thieves, The Black Keys

In love with: Typhoons


Flyte – This Is Really Going To Hurt

Genere: indie folk

Si può certamente dire che il titolo dell’ultimo album dei Flyte sia piuttosto esplicativo per quello che andremo a provare sentendolo. “This Is Really Going To Hurt” è un continuo turbinio di emozioni contrastanti e di cambi di passo: da canzoni con un climax energico come “Under The Skin” passiamo senza quasi accorgercene alla magnifica ballad “Everyone’s a Winner”. Un progetto senza eccessive pretese che adempie però pienamente i suoi obiettivi.

Ti piacerà se hai apprezzato: Bright Eyes, Perfume Genius, Mac DeMarco

In love with: Under The Skin


Dispirited Spirits – Fragments of a Dying Star

Genere: indie rock

La scoperta di questo giovane ragazzo portoghese quasi dal nulla è probabilmente una delle più piacevoli di quest’anno. “Fragments of a Dying Star” è un album dalle sonorità meravigliose, è riuscito perfettamente a comunicare il fascino dell’ignoto che provoca anche il solo pensiero che può fare un uomo pensando allo spazio ed è incredibile pensare che sia solo il suo primo disco data la qualità generale della produzione. Vi prego, tenetelo d’occhio come farò anche io in futuro perché c’è qualcosa di speciale in lui.

Ti piacerà se hai apprezzato: Spiritualized, Car Seat Headrest, The Flaming Lips

In love with: Negatives of the Moon (On a Moonless Night)

Written By
More from Matteo Russo

Feline Meowth 03/2020: Long Waits

Ogni mese l’appuntamento con i 4 dischi più freschi (o quasi) in...
Read More

Lascia un commento